Cosa si dimentica in viaggio?

Grazie a Silvia di The Food Traveler, posso entrare in questo scomodo argomento! Cosa si dimentica in viaggio?

Mi verrebbe di rispondere “il cervello” ma quello è saldamente attaccato al collo per fortuna, quindi spesso dimentichiamo cose materiali.

1173058_377291132416410_378364791_n
Instagram: ilaria_fenato

Sarò sincerissima come sempre, non ho mai dimenticato molto o cose tanto importanti, perchè tendo ad essere un po’ control freak quando sono in giro, proprio per evitare di dimenticare cose o avere brutte sorprese ma….non sempre si ha il completo controllo della situazione, purtroppo!

  • SCIARPA in stazione

Freddo gelido quella mattina di dicembre. Mio padre mi sta accompagnando ad una stazione vicino casa per prendere il treno diretto a Roma Termini. Devo incontrarmi con delle persone sul treno diretto a Bologna, non le ho mai viste quindi il mio dettaglio identificativo sarà una sciarpona nera con un teschione bianco disegnato sulle parti finali della sciarpa. Scendo dalla macchina correndo perchè sono in ritardo (in quel periodo della mia vita ero sempre in ritardo, così tanto che la gente mi dava appuntamento almeno mezz’ora prima) e vado a vedere il binario del mio treno. Prendo il sottopassaggio per il binario 2, salgo sul treno che è appena arrivato, prendo posto e sospiro di sollievo mentre mi tolgo il giaccone, il cappello e….la sciarpa? Dov’è la sciarpa con i teschi? Chiamo mio padre sperando che sia in auto ma nulla, il mio oggetto identificativo è finito chissà dove durante la corsa verso il binario.

DSCN5190
Stazione Roma Termini
  • CAPPELLO a Parigi e a Ferrara

Qui sto barando perchè non l’ho mai del tutto dimenticato. Sia a Parigi che a Ferrara, lo stesso cappello verde di lana ha rischiato grosso. A Parigi lo dimenticai nel ristorante e me ne accorsi una volta uscita al freddo di febbraio; rientrai al volo non sapendo una parola di francese dicendo “cappello…cappello” indicandomi la testa. I francesi erano in vena di sfottere perchè ancora sento l’eco della loro voce che canzonava “Capelo capelo..” mentre uscivo dal ristorante in fretta ed imbarazzata.

A Ferrara è successo un mese fa, lo stesso cappello è stato parcheggiato sulla larga sedia del Mcdonald’s di Ferrara, ero entrata con la scusa di prendere qualcosa di caldo ed utilizzare il bagno prima di lasciare la città. Quando sto per uscire mi accorgo di non avere il cappello in testa, quindi torno in fretta dov’ero seduta e trovo un gruppo di ragazzi con i volti affondati nel loro pranzo. “Ehm, c’è un cappello per caso lì o per terra?”  dico indicando. Il ragazzo molla il Big mac e raccoglie da terra il povero cappello bistrattato. Capisco che i ragazzi sono spagnoli o simili quindi sorrido, sparo un “gracias” affrettato e scappo via. Cappello salvato in extremis anche questa volta!

12338826_116098875428740_1473578417_n
Il povero cappello verde sfigato
  • BIANCHERIA INTIMA in giro per l’Europa

Questa posso dire che è una di quelle cose che non andrebbe scritta o sbandierata ma siamo tra pochi intimi ( 😛 ) quindi ve la dico. La biancheria intima usurata o rovinata è la prima ad entrare in valigia quando parto e viene sempre “dimenticata” di proposito nei cestini di hotel, B & B etc… Nell’ultimo viaggio Irlandese anche le ciabatte ormai vecchiotte hanno subito la stessa sorte, finendo in una pattumiera di Galway. Ho sempre fatto spazio così nei bagagli a mano, gettando via la roba vecchia, soprattutto la biancheria intima!

  • Il CELLULARE sull’aereo

Allora questo è un mistero degno di Sherlock, non sono ancora riuscita a capire bene com’è andata ma so solo che il cellulare vecchio che usavo per sentire la musica e come sveglia non c’era più. Lo avevo messo nella tasca frontale dello zaino, prima di partire per Dublino a maggio dell’anno scorso; un posto assai sbagliato perchè la tascIMG-20160830-WA0006a è aperta e rimane agganciata solo per metà ad un moschettone. Mi sono accorta della sparizione solo una volta arrivata a Galway, quindi dopo l’aereo e le tre ore di bus. Ho sempre avuto la convizione che nessuno abbia infilato la mano per prenderlo vista la profondità della tasca, me ne sarei accorta sicuramente, quindi deve essere caduto o sul bus che mi portava sull’aereo a Roma Campino (lo zaino era in una brutta posizione) oppure è rimasto nella cappelliera dell’aereo. Poteva andar peggio ed essere il cellulare nuovo con la scheda sim dentro, ma mi rodeva comunque averlo perso perchè l’ho completamente dimenticato e abbandonato lì senza controllarlo..

Direi che altre pochissime volte ho dimenticato qualcosa, forse quando ero più piccola e viaggiavo con i miei, ricordo che una zia che abita nelle marche dovette spedire alcune mie cose lasciate a casa sua..

Voi cos’avete dimenticato? Mi piacerebbe sapere le vostre esperienze, quindi taggo qualcuno nella speranza che ci racconti qualcosa e che non sia troppo tragica, tipo aver dimenticato una valigia intera  😀

Idee in Movimento

Briciolanellatte 

Nel Cuore della Scozia

Ilaria Battaini – Appunti di Viaggio

Viaggiando con Bea

Chiunque voglia partecipare, anche se non taggato, può farlo! L’importante è citare Sandra di Passaporto e Colori che ha ideato il tag, ringraziare chi vi ha nominato ( nel mio caso The Food Traveler)  e coinvolgere altri blogger.

 

 

Annunci

10 commenti

  1. Grazie per aver partecipato! Queste iniziative mi divertono sempre molto perché permettono di scoprire i “segreti” di tanti viaggiatori.
    Sai che sei già la seconda persona che dimentica la biancheria intima in giro per gli alberghi 😂😂😂

  2. Ahhhhhhhhhhhhhhhhhh…. mi viene l’ansia solo a pensarci di perdere qualcosa dall’altra parte del mondo!!!!!! Non ci dormirei la notte, mi parrebbe di aver abbandonato cose in giro come se avessero un’anima e io le avessi tradite.

    Terribile….

    😦

  3. Kenya, sveglia all’alba per partire per 3 giorni di safari in mezzo al nulla, la sera apro il beauty…e non c’è lo spazzolino, che è rimasto in albergo!La mia igiene dentale in quei giorni era: mettere il dentifricio sul dito e “lavarmi” i denti + filo interdentale (già, quello me l’era ricordato -_-)

    • Ahahahah dai poteva andare molto peggio, per fortuna siamo donne pratiche e troviamo sempre la soluzione! Devo dire che io dimentico sempre di mettere il filo interdentale in valigia, a volte lo compro fuori e noto che costa molto di più…Devo proprio imparare a metterlo in valigia! 😄😄 Grazie per essere passata 😘

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...