Cimitero Acattolico a Roma

Nella zona di Testaccio a Roma, c’è un’imponente struttura piramidale che non passa di certo inosservata, è la Piramide in stile egizio detta di Caio Cestio fatta costruire dopo la sua morte, come aveva richiesto lui prima di morire, nel 12 a. C. Al suo interno infatti troviamo una sola camera sepolcrale che era stata murata, come si usava fare in Egitto.

Nel diciottesimo secolo, intorno alla Piramide, si cominciarono a seppellire gli stranieri non cattolici che sfortunatamente perdevano la vita a Roma. Per la chiesa Cattolica era vietato seppellire i non cattolici accanto a chiese o in terre consacrate e furono proprio i non cattolici a scegliere quella zona, adibita al pascolo degli animali, per la sepoltura dopo la deliberazione del 1671 che consentiva ai “signori” di non condividere lo spazio con prostitute e peccatori che invece venivano sepolti (a volte neanche quello) nel cimitero del muro Torto.

sdr

All’inizio  era conosciuto come “Il cimitero degli Inglesi” perchè i primi ad essere seppelliti lì furono i discendenti e membri della corte degli Stuart che scappavano o erano in esilio dall’Inghilterra;  negli anni a venire fu esteso il permesso anche ai giovani che, nel bel mezzo del Grand Tour, perivano a Roma e dintorni. Durante il diciannovesimo secolo fu ampliato svariate volte e prese il nome di “cimitero acattolico” perchè fu permesso anche ad alcuni italiani, dalle idee “straniere” , ed altre persone di varie nazionalità, di avere una tomba qui. L’ultimo ampliamento risale al 1894 e da quell’anno fu aggiunta soltanto una cappella, per il resto rimane così come lo vediamo oggi. 

dav

Se siete a Roma non perdetevelo perchè, oltre a far parte di un interessante quartiere della città, è molto particolare e poco frequentato, almeno in settimana, se ci andate di domenica troverete sicuramente più persone o turisti. So che sembra strano consigliare una visita in un cimitero ma questo rappresenta una parte della storia di Roma così come qualsiasi altro monumento e ospita tanti artisti e letterati famosi come Gramsci, il poeta John Keats, il figlio di Goethe, il poeta americano Gregory Corso ed altri che trovate in questa sezione del sito ufficiale. Alcuni avevano scelto di vivere a Roma come lo scultore Gibson, altri erano di passaggio nella città come Keats e morirono per incidenti o malattie gravi; li trovate tutti qui circondati da cipressi e agrifogli sormontati da lapidi senza fotografie come voleva lo stile e l’uso anglosassone. E’ relativamente piccolo, si gira veramente in pochissimo tempo ma io ne ho perso un bel po’ scrutando tutte le incisioni, le scritte e le dediche in svariate lingue e le croci di ogni tipo di religione esistente al mondo.

sdr
L’angelo del Dolore

La tomba più fotografata di tutte è quella dell’angelo del dolore che ospita William Wetmore Story, la moglie ed il figlio. Questa scultura è stata realizzata in marmo e pietra dallo stesso William, che era scultore, per la morte dell’adorata moglie. Morì poco dopo averla ultimata.

Se non ci siete mai stati, vi consiglio di farci un giro. Io sono solita visitare i cimiteri delle città in cui mi trovo, sono sempre luoghi molto tranquilli e paradossalmente al loro contesto molto ricchi di arte e colore. Troverete qualche gatto che si crogiola al sole o che gira indisturbato tra le lapidi, qualche turista che rende omaggio al suo artista preferito.

Si può raggiungere tramite metro B ( Laurentina – Rebibbia ) scendendo a Piramide. Tramite il Tram della linea 3 (Valle Giulia – Trastevere) scendendo alla fermata Porta San Paolo.

 

Lo conoscevate già o è la prima volta che lo sentite nominare? 😉

Annunci

6 commenti

  1. Suggestivo e bellissimo, l’ho fotografato tanto ma non ho mai pensato di scrivere un post 😉 in zona c’è la bellissima Montemartini ❤
    Complimenti per il blog! C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...