Tre volte Londra

La mia prima volta a Londra è stata circa 5 anni fa e sono stata tre notti in un, stranamente, afoso giugno. La città viene dipinta come la più piovosa, quindi sembra strano girare con la faccia paonazza per le strade affollate, quando ci si aspetta un clima diverso. La seconda volta era luglio di 4 anni fa, il viaggio lo avevo vinto tramite un concorso per una radio, il tempo è stato altalenante 3 giorni su 4 ed ho rotto l’ombrello.  La terza ed ultima volta, per ora, risale a 2 anni e mezzo fa circa, a novembre. Toccata e fuga per un concerto.

179512_4327872436348_1813161608_n

1173058_377291132416410_378364791_nNel primo viaggio ho percorso, più o meno,  l’itinerario che fanno tutti  la prima volta, nel mio poco tempo disponibile. La cosa curiosa però è che me la sono fatta quasi tutta a piedi 😀 In una metropoli così ben collegata è quasi una pazzia. Probabilmente mi ero bevuta il cervello visto che poi ho usato sia i treni che la metropolitana trovandomi più che bene.

In tutti e tre i casi sono arrivata all’aeroporto di Stansted e, in solo due occasioni, ho raggiunto il centro con il bus Terravision in circa un’ora. Se si acquista il biglietto online si risparmia abbastanza. Mi è capitato di leggere recensioni negative di questo servizio ma io non ho avuto problemi, anzi… i ragazzi che ci lavorano sono tutti molto disponibili e, la maggior parte, sono italiani. Nel caso del viaggio vinto, avevo il treno pagato e ovviamente l’ho sfruttato. I bus ed i treni si trovano nella parte inferiore dell’aeroporto, basta scendere con l’ascensore al piano desiderato.

A questo punto, arrivata in città, ho acquistato la Travel Card. C’è anche la Oyster Card, io mi sono informata meglio qui prima di partire. Visto che sono stata sempre più di un giorno, gli abbonamenti ai mezzi sono comodi e aiutano a risparmiare qualche sterlina.

Nei viaggi ero sempre accompagnata da chi non ci era mai stato quindi ho visitato ogni volta i luoghi famosi, quelli da cartolina. Inizio parlando di uno di loro…

548062_4327866756206_965415882_nBuckingham Palace è la residenza della famiglia reale e dall’inizio degli anni 90′ è visitabile. Non ho visto il cambio della guardia perchè stupidamente credevo di vederla a qualsiasi ora; invece avviene tutti i giorni alle 11.30 da aprile a luglio, nei restanti mesi a giorni alterni. La seconda volta era pomeriggio quindi, anche sapendolo, l’avrei persa comunque. Di fronte al palazzo c’è una rotonda con il monumento dedicato alla memoria della regina Vittoria e il Sant James Park.  Questo parco è uno dei più piccoli ma stupendo visto il lago ed il ponte che lo attraversa, punto perfetto per qualche foto e, inoltre, gli animali che lo abitano sono abituati alle persone quindi si lasciano avvicinare facilmente. Ho sempre bisogno del contatto con la natura soprattutto se mi trovo in grandi metropoli. Corpo e mente mi trascinano in questi luoghi senza che io ne sia pienamente cosciente.

DSCN1715

541401_4327874076389_1340311774_nRisalendo verso il palazzo, seguendo la strada che costeggia il Green Park, ho raggiunto uno dei parchi più grandi di Londra, cioè Hyde Park, passando anche attraverso i Kensington Gardens. Insieme formano un’immensa distesa verde tenendo lontani i rumori della città. In effetti c’erano parecchie persone distese sull’erba, in quel particolare giorno afoso  del primo viaggio poi, l’ombra dei grandi alberi era una goduria.

Non mi sono fermata molto, anzi per niente, ho solo attraversato il parco invece di 375625_4327873516375_1173362470_ncamminare lungo le strade trafficate. Soprattutto perchè a volte dimenticavo della loro guida a destra e, attraversando la strada, rischiavo di finire spalmata sull’asfalto tipo burro sul pane caldo.

Meglio una rilassante passeggiata nel parco, al fresco e osservando le varie attività . La strada alternativa che stavo seguendo in quell’occasione mi ha portata alla fine della distesa verde e di nuovo tra il caos ma, cartina alla mano…dove vado? Destra o sinistra? Mai stata brava ad orientarmi, di solito è sempre l’altra direzione quella giusta. Devo aver avuto una faccia alquanto spaesata perchè un ragazzo che faceva jogging si è fermato e mi ha aiutato a capire dove cavolo dovessi andare. Seguo il suo consiglio e punto verso Notting Hill. Non era nei miei piani ma non ero sola, bisogna accontenatare tutti, quindi via verso il West London.

261259_2215938879329_1509569_nNotting Hill non ha nulla di speciale, ad agosto c’è il famoso “Notting Hill Carnival” , una festa di strada a tema caraibico. Ma era giugno quindi c’era solo una famiglia impegnata nel trasloco. Meglio proseguire verso Portobello Road, molto più movimentata e ricca di negozi di ogni genere. Qui risiede il mercato più amato e frequentato della città, si trovano prodotti di ogni genere e molte persone. Ci sono anche parecchi posti dove mangiare, infatti mi sono fermata qui in un pub mentre fuori si scatenava un signor acquazzone. Per tornare indietro ho preso un bus, la rotula l’ho messa nello zaino, mentre al secondo viaggio ho proprio saltato la zona per dedicarmi ad altro.

DSCN1763Il Palazzo del Parlamento ed il Big Ben, sul famoso Westminster Bridge. Cosa posso dire che non sia stato già detto? E’ un po’ il simbolo di Londra, appare sempre nelle cartoline e c’è sempre qualcuno fermo sul ponte a fotografarlo. Magari pochi sanno che il vero Big Ben, cioè la campana che prese il nome dal Benjamin che sovraintendeva i lavori, è appesa all’interno. Io non sono entrata nell’immenso palazzo ma l’ingresso è gratuito soprattutto quando il Parlamento è in seduta. Magari la prossima volta ci faccio un salto.

DSCN1936

Da questo ponte trionfa anche il London Eye, sul quale sono salita la seconda volta. Ho scritto qualcosa di più dettagliato in questo articolo.

Visto che stiamo parlando di questa zona direi di proseguire verso il West End, in particolare alla volta di Trafalgar Square.  Ci sono passata a piedi la prima volta ma la foto l’ho scattata dal bus, al secondo viaggio. Sempre stracolma di persone è diventata punto di ritrovo anche per le manifestazioni, ed è apprezzata soprattutto per la sua architettura modificata e migliorata nel 2000, in parte divenuta pedonale e quindi più pratica.

Da qui possiamo proseguire verso Covent Garden, a Soho. E’ vero! E’ una zona super turistica, ma una visita la merita. Ci sono stata nel secondo viaggio e l’ho trovato affascinante nonostante il caos, i turisti e la musica troppo alta. Fa parte del suo fascino essendo stata costruita secondo un progetto ben preciso e per essere una piazza con negozi al coperto. Di solito ci sono molti artisti di strada che si esibiscono di fronte alla St Paul’s Church. Da queste parti c’è anche ChinaTown che merita uno sguardo veloce, anche perchè non è grande, comprende solo due strade. Da qui si può passare a Leicester Square che a me, però, non piaciuta più di tanto, oltre ai cinema ed i suoi cartelloni pubblicitari non c’è molto altro.

Dalla parte opposta a Trafalgar Square invece c’è Piccadilly Circus.  Anche qui parliamo della Londra da cartolina, infatti la zona è molto più che frequentata, 269870_2215840556871_2121072_ncostantemente caotica, soprattutto di sera. Oltre ai neon luminosi enormi, la si riconosce grazie alla scultura centrale dell’angelo della carità cristiana che molti scambiano per Eros, il dio dell’amore. Per queste strade c’è di tutto: turisti, artisti di strada, venditori di biglietti teatrali, street food e negozi di ciarpame per turisti e una signora anziana vestita come la regina Elisabetta in un modestissimo rosa confetto! Non ho fatto in tempo a fare la foto ma era identica e graziosissima.

Continuando sempre verso il lato opposto c’è la zona Mayfair. Qui avevo l’albergo la seconda volta che sono andata e mi sono resa conto subito che è una zona piuttosto ricca. Si torna verso Hyde Park  e, da qui a Chelsea, la zona ospita l’alta società. Io mi sentivo piuttosto a disagio nella mia mise: tuta e converse.

Altra zona stupenda ma che si trova nella North London è Camden Town con i suoi mercati e le varie stranezze.  Qui ne parlo nel dettaglio. Mi dispiace non aver visto di più questa zona, avrei aggiunto di sicuro Regent’s Park.

262165_2215949279589_388527_nNon ho parlato dei MUSEI perchè ne ho visitato soltanto uno, il Natural History Museum che consiglio… ma i musei dipendono dai vari gusti quindi non aggiungo nulla, tranne il fatto che la maggior parte sono gratuiti. Adoro l’arte in ogni sua forma ma, quando viaggio, non ho mai molto tempo ed in città grandi lascio sempre i musei per ultimi, a meno che non piova o ci sia qualcosa che non posso proprio perdermi. Sicuramente sono nella lista del prossimo viaggio Londinese.

Ovviamente ho fatto un giro anche nella zona del mio primo albergo, a Victoria; ma è piuttosto un luogo di passaggio visto la presenza della stazione dei bus e dei treni. Nonostante tutto mantiene una sua personalità, con residenze dei primi degli Ottocento che spuntano di tanto in tanto. In questo caso l’hotel era osceno ma posso consigliare quello dell’ultima volta in zona King’s Cross Station: Wardonia Hotel . (Dovrebbe essere anche su Booking e simili).

DSCN1786

La mia prima volta a Londra è stata veloce, non programmata e molto all’avventura; molto diversa dalle altre. Non mi ha lasciato nulla, non ero così entrusiasta del viaggio e dicevo a tutti che Londra non mi era piaciuta, beccandomi occhiate d’odio da chi voleva andare ma non poteva. Tornandoci, scoprendola in modo diverso e con persone diverse  ho semplicemente capito che l’avevo vissuta male, di fretta e non a modo mio. Nell’ignoranza della prima poca esperienza, nella testa proiettavo immagini di una Londra stereotipata dimenticandomi di osservarla sul serio. Un po’ come quando si va ad un appuntamento al buio con poche informazioni. Tutto questo per dire che dipende sempre con quali occhi si guarda la realtà 🙂 Con il tempo e viaggiando, sia a Londra che in altri paesi italiani e non, ho capito cosa mi piace e cosa non mi piace fare. Già i viaggi sono brevi, perchè perdere tempo a fare quello che non ci piace?

Adesso sento un po’ la mancanza e la voglia di scoprire altri parti della città, quelle già visitate ma con più calma… ma anche l’Inghilterra che vediamo nei film di una volta, le scogliere della Cornovaglia e le città più a nord, fino alla Scozia e all’Irlanda del Nord. 🙂

DSCN8010

Dimenticavo! Se il tempo è ristrettissimo trovo pratico il servizio dei bus turistici, dove si scende e risale a piacimento tutto il giorno. Ne parlo qui. Ce ne sono di ogni tipo, sparsi per tutta la città ed a qualsiasi ora.

Sbirciando in rete ho trovato questo blog molto bello, su Londra e altro, ma sopratutto su questa città. Si chiama LondonHer .

A presto! 😀

Annunci

7 commenti

  1. Sono stata a Londra per la prima volta 10 anni fa: mi ha costretto mio padre a passare qualche giorno nella capitale inglese (insieme ad un’amica) ed io sono partita con il broncio perchè avrei preferito andare al mare, pensavo di andare in giro con l’ombrello per due settimane e che mi sarei annoiata. E invece mi sono innamorata!
    Da allora torno più o meno una volta all’anno e vago per la città con gli occhi a cuoricino tornando nei miei posti preferiti e visitandone di nuovi.
    Ah, in 10 anni ho visto Londra sotto la pioggia solo due giorni 🙂

    Anche io come te sogno di andare in Scozia e in Cornovaglia…spero di riuscirci presto!

    • Abbiamo avuto più o meno un brutto inizio con londra, tramutatosi in amore. Speriamo di riuscire a realizzare questi sogni ❤ di sicuro torno anche a Londra, poi sbircio nel blog per qualche info in più visto che ci torni ogni anno ^_^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...