Una lacrima di Giappone a Roma

Un piccolo giardino, appartenente all’istituto Giapponese di cultura, proprio vicino a Villa Borghese.

_MG_3304

Visitabile gratuitamente, ma su prenotazione, potrete visitarlo con una guida che spiegherà le caratteristiche di questo piccolo angolo di Giappone. (E quando dico piccolo, intendo piccolo!)

L’istituto è stato inaugurato nel 62′ ed è un esempio di architettura giapponese moderna creato dall’architetto Yoshida Isoya. Mentre, l’architetto che si è occupato del giardino, è Nakajima Ken, ed è stato il primo architetto giapponese a realizzare un giardino, tipico del suo popolo, qui in Italia.

Il giardino è in stile “sen’en” cioè “giardino con laghetto” e comprende rocce, ponticelli, isolette, cascata e lampada di pietra.

Di solito, nella cultura giapponese, i giardini vengono creati rispettando l’essenza dei giardini naturali. Tutto sembra capitato li per caso, come se fosse stata la natura stessa a crearlo; invece è una riproduzione fedele e curata nei dettagli per sembrare più naturale possibile.

_MG_3273

Non si guarda alla bellezza dell’insieme, tutto è piccolo ma con un significato ben preciso.

Il piccolo laghetto, che accoglie l’acqua della cascata, riflette il cielo al di sopra di esso, le piante intorno creano una sorta di sentiero immaginario. Il glicine forma una pergola per ripararsi dal sole, mentre il ciliegio da fiore si trova sopra alla lampada di pietra a forma di fiore di Loto. In genere, non ci sono molti fiori nei giardini giapponesi, sopratutto in quelli da tè.

Le pietre, formano un sentiero sull’acqua, creando un’unione e una visione differente dell’intero giardino. Mentre quelle all’esterno dell’acqua formano un disegno naturale ai margini e al centro. Alcune provengono dalla campagna toscana, per unire la cultura Giapponese a quella Italiana; stesso motivo per cui è presente anche un albero d’ulivo.

_MG_3275

Oltre alle piante elencate ci sono anche gli Iris ed i pini nani.

_MG_3268

Purtroppo il ciliegio non era in fiore, dura solo una paio di settimane, anzi; come ci ha spiegato la guida, se ci fosse un vento forte, tutti i petali, potrebbero cadere in un giorno.

_MG_3289

All’interno dell’istituto culturale trovate delle mostre in corso, da visitare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...